tanac01 tanac02 tanac03

La ridda di Pag, in forma nella quale si presenta oggi, è nata nella seconda metà del 19° secolo. In quel tempo, un gruppo dei fautori del risorgimento nazionale, insieme all' amministrazione della città, hanno rinnovato alcuni elementi della tradizione della città di Pag caduti in oblio. Allora, come oggi, la ridda era accompagnata dalla musica di "mišnjice". Gli etnologi non possiedono i dati da dove proviene il passo e il tatto base della ridda, ma si suppone che sia una mistura di vari stili arrivati a Pag nei secoli 15° e 16°, durante le grandi migrazioni. Allora, per l' avanzata dei Turchi, tantissimi abitanti di Lika, Gorski Kotar e Zara sono immigrati a Pag.

Read more...
Top Panel
Members Login

Lunedì 21 Ago 2017
Deutsch (DE-CH-AT)Croatian(HR)Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 
Scavi archeologici

arheo01 arheo02 arheo03

L' isola di Pag è ricca di residui archeologici, che ritrovano nel territorio vasto da Lun a Fortica. La città di Pag è un territorio interessantissimo per quanto riguarda l' archeologia, specialmente il centro della città e la Città vecchia, abbandonata nel 15° secolo. Nell' insenatura Santiš si trovano le tracce dell' antico naufragio, e nel sottomare di Košljun sono trovati residui di un porto ben attrezzato.

ronjenje04 ronjenje05 ronjenje06 ronjenje07

Il ritrovato sottomarino più vecchio di Pag è l' anfora del 3° secolo avanti Cristo, trovata vicino Maun, isoletta all' occidente della città di Pag. Le anfore e le loro parti nel fondo del mare, trovate anche vicino la punta di Prutna, sono i residui del naufragio. Uno dei ritrovati interessanti è l' argine di pietre a Košljun, per il quale si assume che sia la parte del vecchio porto. Uno dei ritrovati più interessanti nella parte terrestre di Pag è una stufa di mattoni, che si trova a Dinjiška, alla parte destra della strada per Zara. Lo storico Smiljan Glušćević dice che la stufa consisteva di due focolari di sezioni semicircolari e dello spazio per cottura la forma del quale (circolare o quadrata) non è possibile a determinare. Si suppone che la stufa sia stata profonda cca 3,5 m.

caska01 caska07   caska06

Nel territorio di Caska sommersa, tra i numerosi ritrovati di ceramica e residui archeologici simili, è trovata una lucerna a olio con immagine di Ercole. Nel golfo di Pag sono trovati i residui di ceramica di origine nordafricana, e appartengono alla ceramica descritta come "ceramica con orlo ingrassato nella parte interna", dal 2° - 3° secolo dopo Cristo. Nei dintorni di Pag si possono trovare i residui di ceramica anche nei posti molto strani, ad esempio in cima della colina. I residui di ceramica si trovano stratiformi nel basso fondo di Bašaca, il borgo settentrionale della città. Questi ricchi luoghi di ritrovamento di ceramica testimoniano dei collegamenti mercantili allenati e stabili tra Pag e i porti nordafricani dal 3° secolo avanti Cristo al 4° secolo dopo Cristo. Anche i residui dei naufragi, dei quali alcuni sono stati esplorati e gli altri non, possono testimoniare di intense relazioni commerciali.

sgrad01 sgrad03 arheo04

Nel territorio della Città vecchia sono trovati residui delle fondazioni megalite, che indicano l' esistenza di un abitato antico. A Lokunja sono trovati i residui delle armi, ferri e utensili per casa che appartengono al tempo dei Liburni. I numerosi residui archeologici a Pag testimoniano della vivacità che esisteva in questo territorio, e di grande importanza di Pag, non solo nel tempo di Impero Romano, ma anche prima e dopo.

 

Itinerario

Inserisci i tuoi dati e calcolare come arrivare a Appartamenti “Holiday - Adriatic”


Tassi di cambio

Convertire 

in

  
 59 visitatori online
Tot. visite contenuti : 808890