tanac01 tanac02 tanac03

La ridda di Pag, in forma nella quale si presenta oggi, è nata nella seconda metà del 19° secolo. In quel tempo, un gruppo dei fautori del risorgimento nazionale, insieme all' amministrazione della città, hanno rinnovato alcuni elementi della tradizione della città di Pag caduti in oblio. Allora, come oggi, la ridda era accompagnata dalla musica di "mišnjice". Gli etnologi non possiedono i dati da dove proviene il passo e il tatto base della ridda, ma si suppone che sia una mistura di vari stili arrivati a Pag nei secoli 15° e 16°, durante le grandi migrazioni. Allora, per l' avanzata dei Turchi, tantissimi abitanti di Lika, Gorski Kotar e Zara sono immigrati a Pag.

Read more...
Top Panel
Members Login

Sabato 21 Ott 2017
Deutsch (DE-CH-AT)Croatian(HR)Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 
Il riservato ornitologico

orez01 orez07 orez08

Velo Blato, da quando è diventato il riservato ornitologico, presenta il rifugio ai molti uccelli, specialmente durante l'annidamento, i loro movimenti e il svernamento. La lunghezza del questo territorio paludoso è circa 2 km mentre la larghezza sarebbe circa 1.2 km. La parte settentrionale è circondato con canna ( Phragmites communis ) che cresce di piú nella parte nord-est. Insieme a canna, a Velo Blato crescono anche altri tipi di piante come Carex sp., giunco ( Juncus acutus, J. conglomeratus, J. maritimus) e gli altri tipi delle piante paludose( Scirpus sp., Sparganium erectum e altri). Durante l'alluvione che spesso accade durante la primavera e l'autunno i prati locati sul bordo del riservato vengono alluvionati.

orez04 orez05 orez06

La parte occindale del Velo Blato è pietrosa ed è stata abituata dalle piante pietrose come Salvia officinalis, Helychrisum italicum, Euphorbia spinosa, Inula candida, Stachis salviaefolius e altre. Le specie che si possono vedere qui spesso sono fólaga (Fulica atra), podícipede (Tachybatus ruficollis), svasso (Podiceps cristatus), l'airone grigio (Ardea cinerea), l'airone bianco (Egretta alba), il trabuso (Botaurus stellaris), ibis (Plegadis falcinellus), moretta tabaccata (Aythya nyroca), la spatola bianca (Platalea leucorodia). L'evento molto interessante è l'annidamento della canapiglia (Anas strepera), dell'albanella minore (Circus pygargus) e dell'allodola grande (Melanocorypha calandra) che sono in via di estinzione sul territorio Europeo, e ce ne sono rare in Croazia.

orez02 orez03 orez09

Il territorio paludoso cosí conservato è molto difficile a trovare oggi grazie alla via di estinzione della orintofauna paludosa e della scomparsa dei biotopi paludosi in tutta l'Europa. Riguardando gli diversi uccelli che abitano qui, questo territorio paludoso è il piú ricco in Europa .
Il riservato Velo blato è il posto molto importante nella nostra offerta turistica perche offre la possibilitá per i spettatori degli uccelli a praticare il populare bird watching e ad fotografare gli ucceli, osservargli e fare un giro sul territorio del riservato. Nel riservato c'e' l'osservatorio degli uccelli e il pannello informativo. Gli esperti hanno notato che ci sono 143 specie degli ucelli sul territorio di Velo blato e hanno fatto la lista dei uccelli e hanno anche sottolineato il tempo piú adatto per gli osservatori degli ucceli e anche le specie degli ucceli che sono al riservato in quel tempo.

 

Itinerario

Inserisci i tuoi dati e calcolare come arrivare a Appartamenti “Holiday - Adriatic”


Tassi di cambio

Convertire 

in

  
 28 visitatori online
Tot. visite contenuti : 821581